Tools

monasterodumenza

You are here: Home » Lavoro e laboratori » Laboratorio iconografico » La tecnica dell'icona
Sabato, 15 Dic 2018

La tecnica dell'icona

L’icona viene scritta seguendo la tecnica tradizionale della tempera all’uovo.



La base dell’icona è una tavola di legno generalmente di tiglio, su cui si stende una tela poi ricoperta con diversi strati di gesso. Dopo essere stata accuratamente levigata, viene inciso il disegno.
In seguito, con una delicata procedura viene applicato l’oro. Successivamente, si inizia la stesura di diversi strati di colore. I pigmenti utilizzati sono essenzialmente di natura organica e inorganica (terre, minerali e ossidi). Si parte col dare il colore di base alle campiture, quindi viene ripresa la grafia con le ombre per infine lasciare emergere le luci. Questa tecnica viene chiamata illuminazione ed è fondamentale soprattutto nell’esecuzione dei volti perché indica il cammino dell’uomo verso l’essere nuova creatura (la trasfigurazione), la creatura vista nella luce di Dio.
Infine viene stesa sull’icona l’olifa  per proteggerla e darle lucentezza. Il tema centrale dell’icona è infatti la luce; l’oro largamente usato è il segno della luce divina che trasfigura la realtà.
Al pittore di icone non interessa imitare la realtà, ma svelare la sostanza: per questo le proporzioni vengono alterate e si segue un determinato canone ricco di significati simbolici.

Continua in questa categoria: « L'iconografo Che cos'e' l'icona? »